25/07/14

Nei Media è iniziata la Nuova Guerra Fredda: l'Economist

Riceviamo da Luigi Pecchioli la segnalazione di un articolo dell'Economist del 26 luglio intitolato Una ragnatela di bugie, in perfetto stile da guerra fredda, che getta sul Presidente Russo tutte le colpe della tragedia MH17, ne pubblica un'immagine dagli occhi di ghiaccio che si staglia sullo sfondo di una ragnatala, e lo presenta come "il nemico" da combattere. 



Ne traduciamo solo qualche brano significativo:
 "Gli inganni di Putin produrranno gravi conseguenze, sia sul suo popolo, che sul mondo intero. Nel 1991, quando crollò il comunismo sovietico, sembrava che finalmente il popolo russo avrebbe avuto l'occasione di entrare a far parte di una normale democrazia occidentale. Ma il disastroso contributo di Vladimir Putin ha portato il paese su una strada diversa...
...L'abbattimento dell'MH17 della Malaysian Airlines, l'uccisione di 298 persone innocenti e la dissacrazione dei loro corpi nei campi di girasole dell'Ucraina orientale, è prima di tutto la tragedia delle vite spezzate e di coloro che rimangono a piangerle. Ma è anche la misura del male che Putin ha fatto. Sotto di lui la Russia è di nuovo diventata un luogo in cui la verità e la menzogna non si distinguono più e i fatti sono piegati al servizio del governo. Putin si presenta come un patriota, ma è invece una minaccia — al diritto internazionale, ai suoi vicini, e ai Russi stessi, intossicati dallo stile isterico della sua propaganda..." e via di seguito.

Riportiamo qui sotto il commento di Luigi:

"C’è nell’articolo dell’Economist, scritto dal loro Caporedattore, John Micklethwait, un elemento che colpisce: la profonda sicurezza.
Micklethwait accusa senza mezzi termini Putin e la Russia di essere i mandanti morali ed i coautori della strage dell’aereo malese: prendendo per totalmente attendibili le fonti della intelligence ucraina, confermate (il termine esatto è autenticate) dagli americani, sul lancio di un missile Buk terra-aria da parte delle forze resistenti filo-russe, nel presupposto implicito che, essendo occidentali, non possono mentire su un fatto così grave (scordandosi ad esempio che prima della guerra in Iraq ed a giustificazione dell’attacco il Segretario di Stato USA Powell mostrò ai giornalisti del mondo intero una foto satellitare del presunto ammasso di truppe irachene al confine con il Kuwait, foto che risultò in seguito essere stata manipolata…), egli si scaglia con inaudita violenza contro il Presidente sovietico e la sua “rete di bugie”, dichiarando come “risibili e goffi” i tentativi di dare una spiegazione diversa ai fatti, nonostante l’esistenza oggettiva di circostanze che qualche dubbio potrebbero alimentare, e “contraddittorie e non plausibili” le teorie che porterebbero ad altre responsabilità.
Questa sicurezza, da parte di un giornalista importante di una prestigiosa rivista che, come tutta la stampa anglosassone, ha, o dovrebbe avere, la conferma rigorosa ed esterna delle fonti e la cautela fra i suoi requisiti, la dice lunga sul clima di tensione che si sta creando attorno alla vicenda ucraina. Il confronto con la posizione fortemente dubitativa presa ad esempio da Sapir ed esplicitata anche in alcuni suoi tweet, dove solleva forti perplessità sulla capacità dei ribelli filo-russi di gestire un missile di tale portata, che ha bisogno di una logistica a terra ed attrezzature di cui essi non sono dotati, ma di cui dispone l’esercito regolare ucraino, mostra che l’Economist, come quasi tutta la stampa occidentale, ha fatto una “scelta di campo” e da organo di informazione si è trasformato (in buona compagnia) in un megafono acritico della propaganda a favore dell’attuale governo ucraino.
Parlare ad esempio di propaganda “mercenaria ed inventata” riguardo alla forte presenza ed all’influenza dei movimenti fascisti a Kiev, significa contraddire la BBC che ne ha dato atto e testimonianza in vari servizi, le risultanze di inchieste sulle uccisioni e gli assalti dei palazzi governativi prima della caduta di YanuKovich, e la stessa composizione dell’Esecutivo ucraino, pieno di elementi di Svoboda ed UNA-UNSO, come già indicato qui.
La dura requisitoria del giornalista si conclude auspicando e quasi invocando una maggiore fermezza e durezza nei confronti della Russia, l’applicazione di sanzioni più pesanti e, fra le righe, la “neutralizzazione” di Putin, considerato un vero e proprio pericolo per l’Occidente. Dopo la fine della guerra fredda mai parole così dure sono state proferite da un giornalista anglosassone verso un politico russo.
Vi sono molteplici ragioni, anche economiche, che stanno spingendo gli USA ed a traino l’Europa a cercare di alimentare l’esplosività della situazione ucraina e finora solo la ragionevolezza, probabilmente non prevista, della dirigenza russa ha evitato il peggio: questo articolo si iscrive di diritto in questo folle tentativo."

14 commenti:

  1. Non capisco cosa abbia di speciale questo articolo.
    I media occidentali mentono, alterano, distorgono da decenni.

    Quante bugie smascherate servono alla gente comune prima di perdere la fede (ceca) nei loro cosidetti mass media?


    Beltrand

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che il Caporedattore di una delle riviste più influenti del capitalismo mondiale si esponga così nettamente, facendoci su la copertina, ed attacchi direttamente Putin dandogli del criminale, fa pensare che gli USA vogliono palesemente la guerra, come ultimo tentativo di far ripartire la loro economia, ai quali i semplici QE non stanno portando gli effetti sperati (le previsioni di crescita PIL del 2014 sono state ridotte al 1,7) e perché il tentativo indiretto di togliere ogni sbocco ad occidente, togliendo dalla loro influenza l'Ucraina, non è andato come previsto.
      Non mi sembra un articolo come tanti.

      Elimina
    2. Allora vediamo, un articolo che accusa un capo di stato straniero senza prove, che aizza l'opinione pubblica contro la Russia, che cerca di destabilizzare gli equilibri internazionali, che ci spinge a una certa fratricida senza girarci troppo intorno... Per te non ha niente di strano ma rientra nelle normali bugie dei media... Prendi un altro caffè fratello.

      Bob.

      Elimina
  2. Pandora TV Speciale - Perché la Russia non deve intervenire in Ucraina

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=u8LcSHWQJKw#t=168

    RispondiElimina
  3. " Questa sicurezza, da parte di un giornalista importante di una prestigiosa rivista che, come tutta la stampa anglosassone, ha, o dovrebbe avere, la conferma rigorosa ed esterna delle fonti e la cautela fra i suoi requisiti"

    Io non mitizzerei troppo questa stampa anglosassone. Certo, prendendo a parametro la nostra stampa -che arriva ad un servilismo parossistico per cui, per esempio, i soldati israeliani sono "rapiti" e i palestinesi (rigorosamente tutti "terroristi") "catturati"- potrebbe dare questa impressiome...

    Per farsi una idea del tema sollevato quest' oggi su questo blog invito tutti ad ascoltarsi la rassegna della estera di Radio Radicale, la mattina, di un tal David Carretta. Una impressionante sequesnza di veline degli apparati militari-finanziari occidentali(sti) propagate a mezzo stampa da quelli che Foa definirebbe "spin doctor" al vertice della "piramide " """"""""informativa"""""""" occidentale.

    RispondiElimina
  4. Adesso che non c'e' piu' l'"unfit to rule Italy" devono pure scrivere qualcosa.
    Scherzi a parte, escluderei che cio' sia frutto di libera scelta editoriale, se non per il fatto che gli inglesi sono abituati a partecipare alle guerre per vincerle con ogni mezzo (basti ricordare i criminali "bombardamenti strategici", terroristici, dell'ultima guerra), e stanno finendo il petrolio, se non erro.

    RispondiElimina
  5. Capirai, se lo dice l'Economist.
    Mi sto cacando sotto per la "guerra fredda" dichiarata dai "media".

    Ti sei perso un passaggio. Ogni Nazione, tranne l'Italia che ormai è allo sfascio, cerca di mantenere e possibilmente estendere il suo potere, politico, economico, militare, le tre cose vanno insieme. Gli USA hanno piazzeforti ovunque, i Cinesi accampano pretese sul mare e un ruolo egemonico in Asia, la Germania controlla buona parte della UE, la Russia mano a mano che si riprende dal collasso del Comunismo ridefinisce la sua egemonia sulle "repubbliche satelliti" mentre Polonia, Stati Baltici e compagni guardano preoccupati, eccetera eccetera.

    Non c'è niente di nuovo sotto il sole. Ma non è la guerra fredda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che dici è vero, ma c'è un elemento da aggiungere: la crisi ucraina è stata pilotata con lo scopo di ridurre il peso dell'URSS, limitandola a potenza asiatica, cercando di toglierle il fondamentale sbocco a mare in occidente della Crimea. Sostituire Yanukovich, che aveva accettato l'aiuto economico russo, disdegnando l'offerta capestro della UE (soldi in cambio di riforme liberiste e privatizzazioni) era fondamentale per l'economia della Germania che ha bisogno di sbocchi ad Est e per gli USA che avrebbero senza colpo ferire tolto alla Marina russa la possibilità di intervenire ad Ovest.
      Qualcosa però è andato storto ed adesso qualcuno sta pensando che dopotutto una bella guerra, da che mondo è mondo, è il miglior carburante per una solida ripresa economica...

      Elimina
  6. In genere sia ha l'abitudine, soprattutto qui in Italia di considerare la stampa anglosassone abbastanza corretta, penso che sia un gran luogo comune. La stampa è sempre la stessa dove vai vai, magari con qualche diversità relativa al carattere dei vari popoli, grancassa degli interessi dei poteri forti compreso chiaramente il potere economico. Tirano dritto perchè devono rispondere tutti i giorni a chi li comanda. Non gli interessa neanche che questo loro modo di fare possa scatenare guerre e carneficine incontrollate. Esempio un pò OT ma in fondo neanche tanto. Ho ascoltato da poco sul la7, poi ho lasciato perdere per non rovinarmi il sabato, la discussione sul senato, una cosa vergognosa quello che gli invitati sono riusciti a dire, durante la prima parte della trasmissione, soprattutto a livello economico. Sapere che sono tutti giornalisti famosi o docenti universitari ti fa capire come ogni cosa è improntata ad indirizzare la popolazione verso uno schema predisposto alla continuazione di questo scempio iniziato negli anni 80 ma che ha il suo clou in questo nuovo secolo. Tutta questa gente deve rispondere ai propri padroni e non si fa nessuno scrupolo perchè la visibilità ed il piccolo potere che ognuno di loro ha, li rende impermeabili non solo a qualsiasi critica ma soprattutto ad un minimo di etica e morale che ogni uomo dovrebbe avere per non sentirsi robot.

    RispondiElimina
  7. E' vero, come si accendono nuovi focolai la temperatura sale...

    RispondiElimina
  8. Leggete anche questo sulla dottrina militare USA e gli attacchi agli aerei civili http://orientalreview.org/2014/07/24/northwoods-and-mh-17-false-flags-fly-alongside-old-glory/

    RispondiElimina
  9. Ma qualcuno si chiede perchè da quelle parti lo "Zar Putin" gode di un ottimo consenso popolare, volenti o nolenti i Russi continuano a votarlo o no, non sarà una democrazia perfetta ma manco le nostre lo sono ?

    Ma qualcuno ricorda la Russia come era ridotta economicamente prima che lo "Zar Putin" salisse al potere, in quel tempo in Russia c'avevano un tal Boris Eltsin, che faceva tutto quello che gli dicevano il Fondo Monetario Internazionale & friends, privatizzava a man bassa le aziende pubbliche di quella che fu l'Urss, regalandole agli oligarchi Russi, ecc......, insomma il perfetto capo di stato per gli standar occidentali.

    Poi venne "Zar Putin" e nel bene e nel male la Russia è diventata economicamente una dei "Brics", che proprio gli ultimi della classe non sono.

    RispondiElimina
  10. e pensare che contro Putin si schiera tutto il mondo antifa (perseguita i gay ripetono) Ma che strano si allineano con il canto di Washington che novità, sono silenti sull'aggressione di marca CIA ed esercito ucraino senza contare che hanno messo in un primo momento uno del FMI ( è questa la normale democrazia che piace ai "Progressisti". SI vabbeh facciamo finta ci siano 4 tizi da gruppi di estrema destra che da soli hanno fatto sto casino (che non per dire ma se in Ucraina non è vista di buon occhio l'occupazione sovietica lo si deve ai 6 milioni di morti di Stalin che sequestrò i portentosi mezzi di produzione, aratri per fare cibo ,ma sono i 6milioni sbagliati da ricordare, non sono di un popolo eletto quindi dimenticare è d'obbligo)

    Si prende atto che per normale democrazia si intende avere a capo un umbriacone che svende il paese ai mafiosi oligarchi.
    Ricorda qualcosa....

    RispondiElimina