20/03/13

La Transfer Union dal Sud al Nord

Su segnalazione di Alessio, estraggo da un lungo post su snbchf.com a proposito della crisi di Cipro (linkato anche da 48) una breve ed efficace sintesi sui "salvataggi di facciata",  che li presenta per quello che realmente sono: un'operazione di riscossione di crediti (scaricati sui contribuenti) che porta al trasferimento di risorse dai paesi periferici alla Germania


Se traiamo le giuste conclusioni comprendiamo che la frase "unione di trasferimento dalla Germania verso la periferia", spesso usata dai critici tedeschi della crisi dell'euro, non ha in realtà alcun  fondamento,  nonostante i "bail-out di facciata". 

  • La Germania è in grado di rifinanziarsi con un interesse quasi a zero mentre i paesi periferici pagano il 5% o più sui titoli a 10 anni; 


  • la BCE e dietro di lei la tedesca Bundesbank, guadagnano un rendimento del 7% sui loro investimenti del 2011 sulle obbligazioni italiane.  

  • I prezzi delle case tedesche sono in aumento, questo rende molti tedeschi ogni giorno più ricchi, mentre la periferia diventa sempre più povera con i prezzi in calo. 

  • I salari tedeschi sono in crescita del 2% al netto dell'inflazione, mentre nella periferia i lavoratori vengono licenziati e i salari dovrebbero diminuire secondo i leaders europei. 

  • Fuga dei cervelli: forza lavoro ben istruita arriva in Germania dalla Grecia e da altri paesi del sud e lavora per degli stipendi che spesso non corrispondono al suo livello di istruzione. 

  • Italia e Spagna ora hanno degli avanzi di partite correnti, che riducono fortemente il rischio di default per la BCE e per i detentori tedeschi dei titoli obbligazionari e aiutano a ripristinare la fiducia dei consumatori e delle imprese tedeschi (ma non necessariamente degli italiani o degli spagnoli).  

  • Mentre gli italiani e gli spagnoli hanno dimezzato i loro deficit con la Germania, cattive notizie dalla zona euro contribuiscono a deprimere il tasso di cambio dell'euro. Ciò si traduce in un vantaggio competitivo della Germania nel commercio globale e in continui surplus tedeschi.  

  • Il governo italiano cerca di ottenere una stretta sull'evasione fiscale mentre la Francia alza le imposte sui ricchi e, implicitamente essi trasferiscono i loro fondi ai tedeschi tramite deficit delle partite correnti.  

  • Come dimostra il caso di Cipro, non solo i ricchi devono soffrire, ma i poveri non solo perdono i loro posti di lavoro, ma devono anche aiutare a ripagare il disavanzo delle partite correnti accumulato con la Germania.  

  • A causa della mancanza di fondi, il sistema di welfare state nei paesi deboli è sempre più distrutto.



12 commenti:

  1. Scusandomi preliminarmente per l off topic, è mia premura chiedere se, dopo il caso Cipro e facendo seguito alla recente modifica della costituzione spagnola che prevede un prelievo una tantum sui depositi bancari, sia opportuno o meno pensare ad una corsa agli sportelli anche da noi. In altre parole, conviene concretamente pensare ad un ritiro dei depositi prima che sto sfacello giunga anche in Italia?

    RispondiElimina
  2. Se hai pagato l'Imu, sto sfracello l'hai già subìto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, d'accordo, ma forse non hai ben capito cosa ho chiesto. Ripeto, il rischio di prelievi coatti sui depositi degli italiani, visto quello che sta succedendo a Cipro e dalle notizie che arrivano dalla Spagna, è così alto da pensare di ritirare concretamente i soldi dalla banca? Cosa c'entra l IMU ?

      Elimina
    2. Ti cionsiglio di leggerti questi...
      http://www.ilgrandebluff.info/2012/01/polizza-anti-default-attenti-ai-pirati.html
      http://www.ilgrandebluff.info/2011/12/perche-ti-fai-una-polizza-sullincendio.html

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. @Jorg

      Il legame tra la rapina dei conti correnti e l'IMU è sottile, ma esiste. Deriva dal fatto che la logica è in entrambi i casi la stessa: entrambe le 'imposte' sono patrimoniali, cioè non colpiscono il reddito, ma il patrimonio.

      Corretto Jorg.

      Possiedi qualche bene immobile (lasciamo perdere l'IMU sulla 1.a casa che potrebbe avere un senso)?

      L'hai comprato coi risparmi da lavoro onesto (e quindi già tassato) per fare un investimento e magari non ti rende niente?

      E chissenefrega, te lo tasso infiaschiandomene se l'ipotetico reddito (che potrebbe non esseri - chiedere ai proprietari con inquilini morosi che letterelamente mantengono) é congruo.

      A casa mia si chiama furto legalizzato.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Cara Carmen,
    in effetti siamo in balia di una manica di incompetenti e furbastri (interessati) che questo ordine di ragionamenti non sono in grado di farli.
    Ma non basta: sono invece molto in grado di accreditare l'idea che la soluzione sia una massiccia dose di tagli della spesa pubblica. E con questo intendo tutti coloro che oggi siedono in parlamento. Tutti confondono dei privilegi (odiosi ma finanziariamente poco rilevanti) che servivano a garantire la complicità con le oligarchie degli investiti di cariche elettive, con l'intera spesa pubblica e in definitiva con la fuzione stessa dello Stato costituzionale.
    Ora, confondendo privilegi con disegno costituzionale (che certo non li prevedeva) il loro furore demagogico autodistruttivo preannunzia moralizzazioni e renzismi che sigilleranno non tanto lo smantellamento dello Stato sociale, quanto il definitivo affossamento della legalità costituzionale.
    Che non è solo un balletto su come formare un governo o eleggere qualche carica (cose su cui ormai blaterano da espertoni), ma rispettare la gerarchia di interessi sostanziali, sociali ed economici, la cui realizzazione E' VOLUTA dalla Costituzione come LEGITTIMAZIONE DELLE ISTITUZIONI: alrimenti si applica una parte formale e autoreferenziale di una Costituzione ormai scissa dai suoi valori fondamentali.
    LE ISTITUZIONI SONO AL SERVIZIO DELLA SOVRANITA' POPOLARE, fondata sul lavoro E QUINDI SONO OBBLIGATE A REALIZZARE QUEGLI INTERESSI e ad opporsi a interessi incompatibili.
    Ormai ha senso parlare concretamente di questo. Lo sdegno dello scrutare con l'occhio della verità queste cose non basta più. O sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro 48,
      parlare concretamente - penso che man mano che la situazione peggiora ci sarà sempre più terreno fertile di persone disposte ad aprire gli occhi e le orecchie. E quindi blog, incontri pubblici, assemblee...Un ritorno ai valori della Costituzione può nascere solo se ampiamente e largamente condiviso...

      Elimina
  4. una patrimoniale e' inevitabile se si rispetteranno i trattati.
    l'imu prima casa e' una barzelletta in confronto

    RispondiElimina
  5. Qualche decennio fa almeno erano stati piu' espliciti......avevano usato i carri armati x invadere l europa.....ma noi sicuramente siamo i piu' coglioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina