26/02/21

Nella fretta di usare la bacchetta magica del vaccino abbiamo peggiorato le cose?



Un articolo pubblicato su Children's Health Defense, basandosi su uno studio del 2015 sugli effetti controproducenti dei vaccini che non impediscono la trasmissione del virus,  pone una domanda forte sui principali vaccini anti Covid-19 utilizzati oggi, i quali potrebbero essere la causa del moltiplicarsi dei contagi e delle più pericolose varianti.  La fretta di risolvere il problema con un colpo di bacchetta magica, invece di lavorare meglio su farmaci e cure, può aver causato un danno peggiore del male?


di Brian Hooker*, 8 gennaio 2021


Uno studio ha scoperto che i vaccini che non prevengono la trasmissione virale possono accelerare l'evoluzione di ceppi più virulenti e che dunque i principali vaccini che usiamo oggi potrebbero peggiorare la crisi COVID.

 

La selezione naturale è il fenomeno per cui in un ambiente sopravvivono solo gli individui più adatti. Per "individui" si intende qualsiasi tipo di organismo - dall'uomo ai batteri e ai virus - ma in questo contesto parliamo della sopravvivenza dei virus.

 

Quando un virus infetta una popolazione di esseri umani, sopravviveranno solo quei virus che hanno un ospite umano vivente. Se un virus è così patogeno da uccidere l'essere umano che ha infettato, muore anche lui.

 

Pertanto, la mortalità dell'ospite nel tempo uccide le forme più gravi di qualsiasi virus. I tassi di infezione possono aumentare, ma la mortalità diminuisce.

 

In uno studio del 2015  pubblicato su PLOS Biology, i ricercatori hanno ipotizzato che la vaccinazione possa sovvertire questo processo, consentendo a ceppi di virus più virulenti (cioè più patogeni e potenzialmente mortali) di vivere negli ospiti vaccinati per periodi di tempo prolungati senza uccidere gli ospiti.

 

Questi ospiti vaccinati, essendo infettati, diffondono il virus, causando un'ulteriore trasmissione della malattia.

 

I ricercatori hanno dimostrato questa ipotesi tramite esperimenti su polli vaccinati per una malattia chiamata Malattia di Marek, un patogeno virale noto per decimare le strutture avicole.

 

I polli vaccinati infettati da ceppi più virulenti del virus della malattia di Marek  hanno portato avanti l'infezione per periodi di tempo più lunghi. Sono quindi diventati "super diffusori" del virus e hanno trasmesso il virus ad altri polli non vaccinati conviventi.

 

A causa della maggiore virulenza della malattia di Marek diffusa dai polli vaccinati, i polli non vaccinati di solito morivano subito dopo l'infezione.

 

Tuttavia, l'immunità parziale offerta ai polli vaccinati ha prolungato la loro sopravvivenza e prolungato il periodo in cui, essendo infettivi, potevano continuare a diffondere la malattia.

 

Senza la vaccinazione, questi ceppi più virulenti della malattia di Marek sarebbero morti con il loro ospite e non avrebbero più fatto circolare il virus nella popolazione. Invece, i polli vaccinati sono diventati l'ospite perfetto per ospitare il virus, permettendogli di moltiplicarsi e diffondersi.

 

Ciò solleva la domanda riguardante l'uso di vaccini che non impediscono la trasmissione del virus o dei quali non è noto se prevengano la trasmissione del virus.

 

Nessuno degli attuali vaccini COVID-19 in distribuzione (Pfizer e Moderna) ha dimostrato di prevenire la trasmissione. In realtà, nei frettolosi studi clinici sulla "velocità di curvatura", questo tipo di test non è stato eseguito.


Invece, entrambi i vaccini sono stati testati per la loro capacità di prevenire i sintomi più gravi. In entrambi i casi, i pazienti vaccinati risultano ancora infetti. Senza la prevenzione della trasmissione, questi individui diffondono il virus che si voleva debellare.

 

Come affermano gli autori della ricerca del 2015 nella sintesi del loro studio:

 

Quando i vaccini impediscono la trasmissione, come nel caso di quasi tutti i vaccini utilizzati negli esseri umani, questo tipo di evoluzione verso una maggiore virulenza viene bloccato. Ma quando i vaccini consentono la trasmissione almeno di alcuni patogeni, possono creare le condizioni ecologiche che consentono ai ceppi più aggressivi di emergere e persistere ".

 

Con l'emergere di forme più infettive di COVID-19 in circolazione in Europa, sembra che abbiamo creato la tempesta perfetta per prolungare la pandemia, piuttosto che ridurla - perché i vaccini sono stati sviluppati e testati sulla base della forma originale di COVID-19 circolante, non dei nuovi ceppi.

 

Nella fretta di creare vaccini con la bacchetta magica, abbiamo forse creato uno scenario di maggior dolore e sofferenza?

 

Proviamo a capire come è andata. Molte varianti del COVID-19 stanno circolando oggi tra la popolazione. Ogni giorno sentiamo la notizia di nuove varianti. Senza vaccinazione, i ceppi più virulenti muoiono: è così che funziona la selezione naturale.

 

Tuttavia, ora arriva un esercito vaccinato di ospiti umani, preparati e pronti a combattere la versione originale del COVID-19, ma non i ceppi più virulenti. Sopravvivranno a questi nuovi tipi di virus -probabilmente sì? Tuttavia, nel processo, si sperimentano infezioni prolungate in cui il ceppo più virulento si diffonde ad altri ospiti umani.

 

Piuttosto che permettere a questi sottotipi patogeni di COVID-19 di morire naturalmente, aumentiamo la loro sopravvivenza e diffusione e la vaccinazione diventa peggio che inutile.

 

 

*Brian S. Hooker, PhD, PE, è professore associato di biologia presso la Simpson University di Redding in California, dove è specializzato in microbiologia e biotecnologia.

1 commento:

  1. Soltanto super istruiti non riescono ad fare questo semplice 2×2!!!

    RispondiElimina